Verbali FED, il dollaro perde terreno

 b_324_201_16777215_00_images_540_usa_flag_map.jpg

Borse ancora in recupero nell'ultima seduta di settimana. A fare da traino alle quotazioni oggi sono i verbali della Federal Reserve della riunione di settembre rilasciati nella serata di ieri. Gli operatori hanno interpretato i verbali tenendo conto dei dati deludenti arrivati dal mondo del lavoro e sono arrivati alla conclusione che il rialzo dei tassi non ci sarà prima della primavera del 2016. Questo ha portato a una ulteriore distensione delle tensioni delle ultime settimane.

Non hanno scalfito il mercato i conti deludenti arrivati da Alcoa. Il colosso mondiale dell'alluminio ha registrato nel terzo trimestre un calo dei ricavi e degli utili oltre le attese del mercato. Il titolo ha perso il 4% nel mercato after hours. La prossima settimana la stagione delle trimestrali entrerà nel vivo, con le banche di Wall Street e gli operatori non sembrano mostrare entusiasmo per quelle che potrebbero essere le peggiori trimestrali da oltre 6 anni.

Sul mercato valutario qui i dati aggiornati, forte debolezza del biglietto verde che ha perso terreno verso le principali valute mondiali, dopo la pubblicazione delle minute della Fed, fatta eccezione lo yen. Il cambio EurUsd è tornato in area 1,1350, massimi dal 18 settembre. La risalita potrebbe spingersi sino a 1,1470. Difficile che si vada oltre questo livello visto il clima più disteso dei mercati. Proseguono il recupero le valute emergenti e le commodity currency, in scia con il rialzo del prezzo del greggio. IL WTI ha superato i 50 dollari ieri sera e si appresta a chiudere la miglior settimana da inizio anno.

 

 

Articoli Correlati
Fed, più facile il rialzo tassi a Dicembre
Profondo rosso i titoli bancari a piazza affari
Arabia Saudita in crisi, chiede un prestito da 5 miliardi
Petrolio, la fine dello Shale Oil è vicina ?
Russia e Arabia Saudita, accordo sul petrolio ?
BANCA MONDIALE : 2016 anno negativo per petrolio e materie p...

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina,
cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
Informativa sulla Privacy