Petrolio, la fine dello Shale Oil è vicina ?

b_290_170_16777215_00_images_shael.png

Il pessimo inizio del 2016, col petrolio crollato di oltre il 20% in un paio di settimane, ha inflitto sofferenze insostenibili ai produttori di shale oil.

Il crollo del prezzo del petrolio sembra aver convinto i produttori di shale oil a fare i conti con la realtà. Tre dei maggiori player americani - Continental Resources, Hess Corp e Noble Energy - hanno annunciato pesantissimi tagli degli investimenti che porteranno a un sensibile calo di produzione.

Per Continental il capex sarà più che dimezzato, con una riduzione del 66%. La sua produzione dovrebbe scendere di 200mila barili al giorno.

Hess - in rosso per oltre 3 miliardi di dollari nel 2015 - sacrificherà invece una produzione tra il 7-12%, con un taglio degli investimenti del 40%.

Noble Energy infine dimezzerà le spese, oltre ad abbassare la cedola trimestrale da 18 a 10 cents per azione.

 

Articoli Correlati
Profondo rosso i titoli bancari a piazza affari
Arabia Saudita in crisi, chiede un prestito da 5 miliardi
Russia e Arabia Saudita, accordo sul petrolio ?
BANCA MONDIALE : 2016 anno negativo per petrolio e materie p...
Shanghai trascina a picco le borse : -6.15%
AIE : outlook negativo per il prezzo del petrolio

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina,
cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
Informativa sulla Privacy