Obbligazioni tasso misto: quali sono le migliori? Come funzionano?

b_442_259_16777215_00_images_Screenshot_2016-09-30_at_23.46.20_-_Edited.png

Tra le obbligazioni a tasso misto migliori che si possono trovare sul mercato, meritano una menzione speciale le obbligazioni a sette anni di Cassa Depositi e Prestiti, che prevedono un tasso fisso per i primi due anni pari all’1.75% e duration di 1.9 anni: si tratta di una conveniente opportunità di investimento, la cui struttura può essere paragonata a un titolo sintetico composto da due obbligazioni, un bond a tasso fisso a due anni e un bond a tasso variabile a cinque anni. Il primo, con tasso dell’1.75% lordo, è pagabile ogni tre mesi; il secondo, invece, si basa su un tasso variabile corrispondente all’Euribor trimestrale più lo 0.5% annualizzato.

 

Nel caso in cui l’obbligazione venga detenuta fino alla scadenza, il rendimento misto è dello 0.885% lordo, immaginando che il tasso Euribor 3 mesi iniziale dello 0.025% annualizzato rimanga stabile per l’intera durata. Il motivo per cui questa obbligazione tasso misto può essere considerata tanto vantaggiosa va individuato nella sua duration (ricordiamo che la duration di un portafoglio titoli o di un titolo singolo corrisponde alla durata finanziaria residua media dei titoli che fanno parte di quel portafoglio o di quel titolo singolo). Ebbene, la duration del bond di Cassa Depositi e Prestiti, a dispetto della sua scadenza a sette anni, è di 1.9 anni: una duration che, evidentemente, è molto ridotta, proprio in virtù del fatto che la struttura a tasso variabile è prevalente rispetto a quella a tasso fisso.

 

Anche il Gruppo Intesa Sanpaolo mette a disposizione due obbligazioni che fanno parte della collezione Tasso Misto di Banca Imi: si tratta delle obbligazioni Senior unsecured Collezione Tasso Misto Dollaro Usa serie IV, bond in dollari Usa che prevedono una scadenza a otto anni, e delle obbligazioni Collezione Tasso Misto Euro serie II, bond in euro che prevedono una scadenza a dieci anni. In tutti e due i casi si ha a che fare con una cedola lorda a tasso misto per i primi quattro anni e a tasso variabile per i restanti sei, con indicizzazione al Libor USD per il bond in dollari e all’Euribor tre mesi per il bond in euro, con maggiorazione pari allo 0.30% e allo 0.60%.

 

Per acquistare le obbligazioni a tasso misto in questione non è indispensabile fare riferimento a una filiale Intesa Sanpaolo, dal momento che le si può acquistare (e vendere) attraverso il proprio broker online o presso la propria banca. La sicurezza dell’investimento dal punto di vista del capitale è piuttosto elevata, e va tenuto conto che, anche in caso di capital gain, viene applicata la consueta tassazione sulle rendite finanziarie.

 

Attenzione, però, perché per l’obbligazione in dollari c’è qualche variabile in più in gioco, rappresentata dal rischio di cambio e, soprattutto, dal fatto che l’andamento dell’EUR/USD con il passare del tempo potrebbe variare in maniera sensibile: un parametro che non può essere trascurato, poiché ne condiziona il prezzo in modo evidente. Se negli ultimi anni il dollaro rispetto all’euro si è rafforzato molto, non è detto che ciò accada anche in futuro.

 

 

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina,
cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
Informativa sulla Privacy