Pro e contro degli investimenti in Albania

investire in albania

Conoscere i pro e i contro derivanti dalla scelta di investire in Albania può essere utile per scoprire le ragioni di un trend in crescita: in effetti, i numeri testimoniano che gli investimenti da parte degli italiani in questo senso sono sempre di più. Le ragioni alla base di questo scenario sono molteplici, a cominciare dal fatto che si tratta di un Paese che è situato in una posizione molto interessante dal punto di vista strategico: i Paesi balcanici considerano l’Albania una base perfetta per avere sbocchi e contatti con quelli del Mediterraneo, e i Paesi del Mediterraneo considerano l’Albania un ottimo riferimento per arrivare a quelli Balcanici. Le quattro principali porte di ingresso albanesi sono Valona, Saranda, Durazzo e Shengjin, con quest’ultima che vanta uno dei porti più profondi di tutto il Mediterraneo.

 

Ma quali sono i settori emergenti e gli ambiti in cui vale la pena di investire nel territorio albanese? Dal turismo alle energie rinnovabili, non mancano i campi che in Italia hanno già raggiunto il livello di saturazione e che, invece, sull’altra sponda dell’Adriatico garantiscono un certo margine di manovra: tra questi meritano di essere menzionati anche il settore minerario e quello dei trasporti, ma soprattutto l’abbigliamento, dal momento che le aziende tessili locali dagli anni Novanta in poi, in seguito alle prime privatizzazioni, sono state in grado di costruirsi una reputazione eccellente. Se si pensa che solo una strada su tre in Albania è asfaltata, poi, è facile comprendere che anche negli ambiti delle infrastrutture e delle costruzioni possa essere previsto uno sviluppo rapido e consistente da tenere in considerazione.

 

Tra gli obiettivi dichiarati del governo locale, inoltre, c’è quello di far crescere il settore energetico in modo da renderlo più efficiente e più moderno, per affrancarsi dagli investimenti risalenti ancora al periodo del regime comunista. Certo, il prezzo dell’energia si caratterizza per una notevole volatilità che si può tramutare in un elemento di incertezza, ma è molto probabile che il governo garantisca sempre la massima stabilità e le migliori condizioni possibili di certezza.

 

In una valutazione oggettiva dei pro e dei contro che riguardano gli investimenti in Albania è opportuno, insomma, tenere conto anche delle controindicazioni con cui si potrebbe avere a che fare in teoria: dal grado di corruzione piuttosto elevato allo scarso aggiornamento delle mappe catastali, passando per le forti differenze che contraddistinguono i modelli di sviluppo di aree territoriali diverse. Inoltre, c’è un ulteriore fattore che non può essere trascurato, ed è quello che chiama in causa la cultura locale: più diversa dalla nostra di quel che si possa immaginare, e quindi degna di attenzione.

 

In sintesi, si può dire che la scelta di investire in Albania sia consigliata a chi ha intenzione di prendere una decisione innovativa ma non troppo rischiosa, anche in virtù delle molteplici opportunità di inserimento di cui si può beneficiare (rese tali, tra l’altro, dal costo della vita e del lavoro basso). Insomma, un passo importante per scommettere su un Paese che ha tante risorse da sfruttare.

 

 

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina,
cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
Informativa sulla Privacy