LinkedIn IPO e come la storia si ripete: (Bubble bubble)

Pubblicato Venerdì, 20 Maggio 2011 12:24

linkedin,bolla,eps

Ieri i mercati hanno assistito a una “history repeating stile 1999-2000, protagonista sempre il nostro caro mercato Nasdaq e la novella quotazione in borsa di LinkedIn.

Il nostro caro sito “social” LinkedIn ha aperto con una quotazione di 82$ per share e nel giro di qualche ora è arrivata a 122$ per poi ritornare nell’aftermarket a 92.40 $ , all’apice di ieri le sue azioni venivano scambiate con un ratio P/E di 1200 !!!!!!

Il ratio P/E determina quanto un investitore è disposto a pagare in relazione agli utili dell’impresa stessa: P/E =  quotazione del titolo / guadagno per azione (earning per share o EPS).

Es° :

se la gelateria di gianni scambia le sue azioni a 18 $ e il suo EPS e’ di 2$ il suo P/E ratio è 9 (18/2)

se il bar di aldo scambia le sue azioni sempre a 18 $ ma il suo EPS e’ di 6$ il suo P/E ratio è 3 (18/6)

Il bar di aldo a parità di prezzo è più conveniente della gelateria di gianni perchè ha un utile maggiore per ogni azione.

Ora questo parametro scambia (alto) intorno ai 17-20 per compagnie tecnologiche e (basso) intorno ai 3-10 per compagnie di utilities per esempio.

Provate voi a riflettere se acquistare azioni di  una società che ha questo valore a 1200 !! non è una bolla…  (in sostanza ieri alcuni “coraggiosi” sono stati disposti a pagare le azioni LinkedIn 1200 volte in più del loro valore in relazione agli utili)

Aspettando Facebook… un saluto a tutti.

Ocio alle Bolle, quelle vere! (non l’oro e l’argento).

 

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina,
cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
Informativa sulla Privacy